Nacatuli eoliani, i dolci natalizi che profumano di tradizione - Ristorante Filippino Lipari
Oggi vogliamo proporti la ricetta dei nacatuli eoliani, deliziosi dolcetti natalizi parte della ricca tradizione culinaria eoliana.
nacatuli eoliani, tradizione culinaria eoliana, dolci eoliani natalizi, Ristorante Filippino Lipari
2524
post-template-default,single,single-post,postid-2524,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Nacatuli eoliani, i dolci natalizi che profumano di tradizione

nacatuli-eoliani-hotel-pinnata-lipari.jpg

Nacatuli eoliani, i dolci natalizi che profumano di tradizione

Christmas is coming, e la magia delle feste porta con sé la bontà dei dolci natalizi. 

Anche se sarà un Natale diverso dal solito, possiamo addolcirlo con un po’ di gusto e tradizione.

Del resto, spesso sono le piccole cose a rendere magica l’atmosfera.

Quindi, perché non sfruttare il tempo in casa per sperimentare in cucina?

Oggi vogliamo proporti la ricetta dei nacatuli eoliani, deliziosi dolcetti natalizi parte della ricca tradizione culinaria eoliana.

Si tratta di piccoli pasticcini di frolla aromatizzati alla Malvasia, in cui il mix di agrumi e mandorle trasmette a chi li assapora tutta l’essenza delle Sette Perle.

Ti serviranno:

  • 1 kg di farina 00
  • 950 g di zucchero (150 g per la pasta, 800 g per il ripieno)
  • 150 g di strutto
  • 2 albumi d’uovo e 4 tuorli
  • 1 bicchiere di Malvasia
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 50 ml di liquore al mandarino
  • 150 ml di succo di mandarino
  • Scorza grattugiata di due mandarini
  • 1 kg di mandorle già spellate

Inizia con la preparazione della pasta. Setaccia la farina e impastala con lo zucchero, lo strutto tagliato a pezzi e le uova. Poi, unisci la Malvasia e amalgama il tutto fino a ottenere un composto liscio e compatto. Forma una palla con l’impasto, avvolgila con la pellicola e riponila in frigo per 60 minuti.

Nel frattempo, dedicati al ripieno. Macina finemente le mandorle e mescolale con lo zucchero, la scorza dei mandarini e la cannella. Aggiungi il liquore e il succo di mandarino, quindi impasta.

Trascorso il tempo di riposo della pasta frolla, stendila finemente su una spianatoia e dai forma ai tuoi nacatuli eoliani. Ritaglia dei dischetti e, su ognuno, posa una noce di ripieno da ricoprire con un altro dischetto.

Sigilla i bordi con le dita e decorali avvalendoti dell’ausilio di una rotella dentellata; per concludere, intarsia la superficie con motivi a piacere.

Cuoci in forno a 180° per circa 20 minuti: quando la superficie apparirà leggermente dorata, questi deliziosi dolci eoliani natalizi saranno pronti per essere gustati.

Desideri scoprire le infinite sfumature della tradizione culinaria eoliana?

Se per la prossima bella stagione hai in programma una vacanza alle Eolie, non dimenticare di fare un salto al Ristorante Filippino Lipari!

Articoli correlati

Dessert eoliani: a Natale, porta la dolcezza in ta... In questo periodo dell’anno più che mai, c’è bisogno di dolcezza! E qual è il modo migliore per portarla in tavola, se non con i dessert eolian...
Genuinità, raffinatezza, freschezza: gli ingredien... Chi ha già assaporato i nostri piatti lo sa: al Ristorante Filippino Lipari la tradizione incontra la passione per il buon cibo e il gusto inconfondib...
Cucina eoliana tra gusto e benessere: assaporala a... Tradizione, sapori genuini, materie prima di qualità: sono queste le caratteristiche che rendono unica la cucina tipica eoliana. Quella stessa cucina ...
Sapori eoliani da amare: zucca e gamberi, un’incre... Ingredienti di qualità e perfetta armonia dei sapori: sono queste le caratteristiche che rendono la cucina eoliana del Ristorante Filippino Lipari un ...