Malvasia: quello che forse non sai sul “vino dei vulcani”
Ristorante a Lipari, Ristorante Isole Eolie, Cucina Eoliana, Ristorante Eoliano
2095
post-template-default,single,single-post,postid-2095,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Malvasia: quello che forse non sai sul “vino dei vulcani”

malvasia-eolie-ristorante-filippino-lipari.jpg

Malvasia: quello che forse non sai sul “vino dei vulcani”

È stata definita uno “sciroppo di zolfo denso e zuccherato che permea tutto il palato”. La Malvasia viene prodotta alle Isole Eolie sin dai tempi dei greci, che ne introdussero – nel IV secolo a.C – l’omonimo vitigno.

A oggi è considerata non solo il vino tipico delle Eolie, ma anche uno degli emblemi più acclamati di tutta la loro tradizione culinaria e gastronomica.

Esistono tre tipologie di Malvasia delle Lipari: una da pasto e due da fine pasto. Il tempo di invecchiamento oscilla mediamente tra i tre e gli otto anni, e ciò conferisce a ogni sorso un profumo intenso e ammaliante, con note di ginestra e tamarindo:

  • La Malvasia da pasto è composta per il 95% da uve di Malvasia e per il 5% di Corinto Nero. Il risultato è un vino ambrato, dolce e liquoroso, e questo rende il vino dei vulcani uno dei migliori vini da dessert.
  • Anche la versione Passito si ottiene dal medesimo vitigno, ma a variare è la lavorazione delle uve. I grappoli, infatti, vengono in parte lasciati essiccare sulla pianta, e solo in un secondo momento avviene la separazione degli acini. Si procede poi con la pigiatura e, dopo la fermentazione, il vino viene lasciato a riposare per nove mesi all’interno delle botti.
  • La Malvasia in versione liquorosa è profuma di pesca e albicocca e appare particolarmente morbida al palato. Il processo con cui viene lavorata è simile al passito, con l’aggiunta però di alcool di origine viticola.

In questo caso, la Malvasia viene lasciata a riposare in botte per un minimo di sei mesi, ma l’invecchiamento può durare anche dieci anni.

Va servita in piccoli calici, insieme a formaggi, pasticceria secca o dolcetti come cassata e cannoli.

Insomma, c’è una Malvasia per ogni palato ed occasione!

Ti piacerebbe assaporare tutto il gusto delle Sette Perle? Sei alla ricerca di un buon ristorante a Lipari? Vieni a trovarci al Ristorante Filippino Lipari! Troverai tantissimi e deliziosi sapori tipici delle Eolie, tutti preparati con ingredienti freschi e di qualità.

Ti aspettiamo in Piazza Mazzini a Lipari.

Articoli correlati

Ponti di primavera da Filippino: le Eolie a tavola Hai già prenotato la tua vacanza per uno dei due lunghi ponti di primavera alle isole Eolie? La stagione è già iniziata, il sole comincia ad es...
Primavera a Lipari: dove andare e cosa vedere Sogni una primavera da ricordare? Fai un salto alle Isole Eolie e immergiti tra le bellezze di Sette Perle che incantano e che tra storia, mare...
Sesamini eoliani, il gusto semplice della tradizio... Genuinamente semplici e straordinariamente buoni. I sesamini eoliani accarezzano il palato e lo conquistano senza troppi giri di parole, già a partire...
Pomodorini a pennula e formaggio di capra: un tuff... Ti sei già lasciato incantare dai sapori tipici delle Eolie? Tra il mare cristallino e la terra incontaminata si districa una tradizione culina...