Agnelli ordinava scorfano alla liparota, Armani invece... - Ristorante Filippino Lipari
"Il ristorante lo ha creato Cesare Bernardi, nonno di Antonio e Lucio Bernardi alla guida oggi da tanti anni del Ristorante Filippino, l’eccellenza delle Eolie a tavola". Mestyle racconta la storia del Filippino
Ristorante Filippino Lipari, Mestyle
2641
post-template-default,single,single-post,postid-2641,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-13.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Agnelli ordinava scorfano alla liparota, Armani invece…

storia-ristorante-filippino-lipari-mestyle.jpg

Agnelli ordinava scorfano alla liparota, Armani invece…

Il ristorante lo ha creato Cesare Bernardi, nonno di Antonio e Lucio Bernardi alla guida oggi da tanti anni del Ristorante Filippino, l’eccellenza delle Eolie a tavola.

Prima si chiavava Belvedere, perché il locale  si trova in una delle zone più panoramiche di Lipari, poi il papà degli attuali proprietari cambiò il nome in Filippino. L’allestimento di un tempo prevedeva delle botti con accanto i fornelli per i pochi avventori che allora frequentavano il locale.

In oltre 100 anni di storia tantissimi personaggi sono passati da qui.

Dopo la seconda guerra mondiale al castello di Lipari si trovavano i confinati politici come Edda Ciano, i fratelli Rosselli. Il menu al ristorante era semplice e composto da prodotti locali come pasta fresca fatta a mano con pomodoro, melenzane, ricotta e basilico e tanto pesce del giorno, in particolare la “zuppa del nonno” preparata con lo scorfano, un pesce povero, ma gustosissimo.  Per loro, Filippino era l’unico posto dove potevano andare senza allontanarsi troppo dal castello. “Mio padre mi raccontava che Edda Ciano si faceva portare il risotto con le seppie a dorso di un mulo. Ricorda Antonio Bernardi.” Per tanto tempo il mulo fu l’unico mezzo di trasporto nelle Eolie.”

Il grande turismo parte negli anni 50.

A contribuire all’arrivo dei vacanzieri nelle Eolie i film Stromboli e Vulcano girati da Ingrid Bergman e Anna Magnani, rivali in amore per Roberto Rossellini e frequentatrici del ristorante Filippino successivamentetoccò a Sofia Loren, i reali del Belgio, Monica Vitti, Mike Bongiorno e tantissimi altri come l’allora capo dello stato Oscar Luigi Scalfaro in visita in Sicilia, la modella Naomi Campbell, tutti innamorati della bellezza “selvaggia” delle isole Eolie, come testimoniano tanti articoli pubblicati sui maggiori giornali nazionali

Il jet set ed i vip da Filippino.

“Ne ho incontrati tanti di personaggi nel mio ristorante.” Racconta Antonio Bernardi. “Famiglie reali, capi di stato, ma quelli che mi hanno colpito di più sono stati Gianni Agnelli che adorava la zuppa del nonno fatta con lo scorfano e la ghiotta alla liparota e Giorgio Armani, elegante e rigoroso anche a tavola, quando viene a trovarci desidera solo dell’ottimo pesce alla griglia, tanta insalata verde ed acqua minerale, da Hollywood abbiamo avuto anche Kurt Russel insieme alla sua famiglia.”

La realtà di oggi di Filippino è caratterizzata dalla più bella gente che viene in vacanza nelle Eolie, scende da lussuosi natanti per andare a pranzare o cenare nel celebre ristorante, ma anche da clienti storici ed affezionati. “Alcuni tornano anche dopo vent’anni perché ricordano il sapore di certi piatti.” Dichiara  con orgoglio Antonio Bernardi.

Grazie alla suggestiva ed ampia location Filippino si è specializzato in eventi e ne ha ospitato alcuni davvero importanti come la cena sociale del congresso mondiale di urologia con ben 700 ospiti, nella piazza di Marina Corta ha preparato una suggestiva cena all’aperta per il congresso regionale del Rotary per oltre 400 persone.

Ci tengo a dire però che tutti i clienti sono importanti.” Conclude Antonio Bernardi. “Ogni giorno riceviamo con lo stesso impegno tutte le persone che amano la buona cucina, italiani o stranieri. Per noi conta solo una cosa: lasciare a tutti un buon ricordo ed a questo ci pensa la nostra cucina e la nostra accoglienza.”

Credits: https://www.mestyle.it/2021/06/22/agnelli-ordinava-scorfano-alla-liparota-armani-invece/

Articoli correlati

Il Ristorante Filippino Lipari tra sapori, leggend... Non possiamo deliziare il tuo palato al momento, ma possiamo raccontarci e intrattenerti, nell’attesa che tutto passi. Forse non sai che il Ris...
Pranzi e cene estivi? Punta sul pesce e i suoi ben... Ricco di gusto sì, ma sai che il pesce è la scelta ideale anche per pranzi e cene estivi ricchi di benessere? In estate più che mai, il nostro orga...
Il Ristorante Filippino Lipari alla (ri)scoperta d... Ne esistono moltissime tipologie, è buona e possiede innumerevoli benefici. La cipolla è spesso protagonista silenziosa all’interno delle ricette che ...
Ristorante Filippino Lipari: tutto il gusto della ... Viaggiare vuol dire scoprire, innamorarsi, assorbire ciò che di bello e unico ogni luogo ha da offrire. E se le Isole Eolie sono un vero forzie...